100° ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE (1917-2017)

Regala il libro "Viaggi Pianificati" in occasione del
100° ANNIVERSARIO DELLA RIVOLUZIONE D'OTTOBRE (1917-2017)!


Presentazione del blog

Dall’intervista di Antonio (Mosca 1980), parlando del suo rientro in Italia:

<… Durante la lezione di geografia di una prof sicuramente poco comunista (o poco simpatizzante ogni volta che si parlava dell’Urss) sentii predicare “in Urss non c’è questo, non c’è quello… non ci sono le macchine...” e io, beato, con tutto il gusto proprio di un bambino, alzai la mano e le dissi “prof, non è assolutamente vero che non ci sono macchine, io sono appena tornato da Mosca e Le assicuro che c’è un traffico della Madonna!”. Lei rimase di sasso...>

Non cercavo soltanto un libro che descrivesse la vita quotidiana dei lavoratori nei paesi socialisti. Per me era importante l’identità dello scrittore, la sua professione.

Storico? Giornalista? Politico? Ambasciatore? No, grazie. L’autore del libro che non sono mai riuscito a trovare sarebbe dovuto essere uno come tanti, magari un operaio/a, un impiegato/a, una persona qualunque, un tipo pulito. Avete mai provato a prendere in mano i testi in commercio sull’argomento? Vi siete resi conto che sembrano fotocopiati? E continuano a sfornarne di nuovi! Vi è mai capitato di soffermarvi sulle risposte dei principali quotidiani nazionali ai quesiti dei lettori interessati alla storia del socialismo reale? I commenti sono preconfezionati! Sono sempre gli stessi! Superficiali, piatti, decontestualizzati, buoni per il “consumatore di storia” massificato. Non parliamo dei documentari. Diamine! La storia è una cosa seria. E’ la memoria! Non bisognerebbe neanche scriverne sui giornali!

Ciò che mi fa salire la pressione è il revisionismo. Passa il tempo, i ricordi sbiadiscono e una cricca di farabutti si sente libera di stravolgere il corso degli eventi, ribaltare il quadro delle responsabilità e di combinare altre porcherie che riescono tanto bene agli scrittori più in voga. Tale è l’accanimento… vien da pensare che il Patto di Varsavia esista ancora da qualche parte!

Un giorno mi sono detto: io non mi fido, il libro lo scrivo io.

Ho iniziato a rintracciare gente che si fosse recata nei paesi socialisti europei prima della loro conversione all’economia di mercato. Ho intervistato quattordici persone esterne ai giochi di potere e libere da qualsiasi condizionamento (eccezion fatta per le intime convinzioni proprie di ciascun individuo che non mi sento di classificare tra i condizionamenti). I loro occhi sono tornati alle cose belle e a quelle brutte regalandomi un punto di vista diverso da quello dell’intellettuale o dell’inviato televisivo. Grazie ad alcuni libri di economia usciti nel periodo 1960-1990, ho tentato di rispondere ai quesiti sorti nel corso delle registrazioni.

http://viaggipianificati.blogspot.com/ è l’indirizzo web dove è possibile leggere le straordinarie avventure a puntate di italiani alla scoperta del vero socialismo e delle cose di tutti i giorni. A registrazione avvenuta, è possibile lasciare un commento.

Visitando il blog potrete idealmente gustarvi un’ottima birretta di fabbricazione “democratico-tedesca” seduti in un bel giardino della periferia di Dresda, nuotare nella corsia accanto a quella occupata da un “futuro” campione olimpico ungherese, discutere coi meccanici cecoslovacchi, e… molto altro. Buon divertimento!

Luca Del Grosso
lu.delgrosso@gmail.com


Il libro "Viaggi Pianificati" è in vendita ai seguenti indirizzi:

http://www.amazon.it/Pianificati-Escursioni-socialismo-europeo-sovietico/dp/1326094807/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1461691231&sr=8-1&keywords=viaggi+pianificati

http://www.lulu.com/shop/luca-del-grosso/viaggi-pianificati/paperback/product-21997179.html

in formato cartaceo o "file download" .





sabato 24 agosto 2013

Intervista a Teresa - Mosca anni '60

Visitai Mosca sul finire degli anni '60 per un soggiorno di cinque giorni offerto dall'azienda presso cui lavoravo a tutti i dipendenti. Quindi quasi cinquant'anni fa. Io avevo all'incirca 45 anni. Ora ne ho più di 90! C'era ancora il comunismo. C'era Breznev. Arrivammo il 1° novembre dopo un volo con Aeroflot, durante il quale fummo trattati meravigliosamente. Almeno tre ore di viaggio da Milano. Gentilissime hostess russe servirono cioccolata e champagne. Prima dell'atterraggio ci consegnarono un modulo per la dichiarazione doganale. Chiedevano di indicare se stessimo introducendo in Unione Sovietica anelli d'oro o altri oggetti di valore. All'aeroporto non c'era anima viva, solo noi. Tutto sembrava molto ordinato. Le guardie controllarono bagagli, libri e giornali acquistati in Italia.

Dall'aeroporto verso la città, in pullman. Attraversammo quartieri con grandi case popolari. Ci fecero scendere di fronte ad un gigantesco albergo con quattro ingressi (Rossija, ndb). Era un hotel per i forestieri. Fuori dalla finestra potevo ammirare la Piazza Rossa e la Moscova! Al di là del fiume, invece, si vedeva una fabbrica. Sulla piazza fervevano i preparativi per la tradizionale sfilata di novembre. In albergo si stava molto bene. Ad ogni piano c'era una governante, la camera era accogliente e c'era un cassettino con tutto l'occorrente per cucire: fili di cotone, aghi...
Le guide, che comunicavano con noi in un perfetto italiano, ci chiesero in dono giornali e riviste. Quando provai a contattare mio marito in Italia, rimasi stupita dalla rapidità con cui ciò fu reso possibile. Meno di cinque minuti! Davvero efficienti.

Prima sera: passeggiata sulla Piazza Rossa. Il giorno dopo al Cremlino e successivamente giri in metropolitana - la nostra, in confronto, fa ridere - visita del Museo della Scienza e della Tecnica, una sera al ristorante con spettacolo di danze russe ove mi fu regalato un disco che conservo ancora. Super servizio e abbondanza. Purtroppo non fu possibile raggiungere Leningrado: arrivati in ritardo al punto di partenza, trovammo i posti occupati.

Mosca era una città molto pulita. Per terra non si vedeva neanche un fiammifero e potevi leccare il pavimento. Nel vestire si somigliavano tutti quanti. Persino i cappellini delle donne erano simili. Ricordo la grande cordialità degli abitanti e anche che persi la voce, forse per il cambiamento d'aria.

Visitammo la chiesa di San Basilio, le sue cappelle illuminate da piccole candele... una mia collega, fascista, ne accese una mormorando qualcosa come "per tutti gli italiani morti qua". Io le dissi che aveva fatto bene a mettere la candela, ma di ricordarsi che gli italiani non erano stati invitati dai russi... sono morti, poveretti, ma le proteste andavano rivolte a Mussolini che ce li aveva mandati...
Non fu possibile entrare al mausoleo di Lenin, una fila pazzesca... tutti volevano andare a vederlo, c'era gente da tutta la Russia, in viaggio di nozze. Qui da noi vanno a trovare il papa, per il viaggio di nozze. Lì andavano a vedere Mosca e Lenin.
Un paese vastissimo, la Russia, il cui popolo ha saputo dare una strigliata a quelli che se ne approfittavano per mantenerli in un cronico stato di arretratezza. Poi c'è sempre quello che se ne approfitta, ma lì, prima della rivoluzione, c'erano i servi della gleba! Tutti i cambiamenti hanno un costo molto alto, con gente pura e approfittatori. Hanno dato un bello scossone e chissà come sarebbero finiti questi russi senza un tale sconvolgimento. Sarebbero rimasti schiavi, almeno da quello che sappiamo sui contadini grazie ai romanzi...

Maestosa l'università di Mosca... sotto il comunismo studiava chi riusciva nello studio, tu potevi essere chi ti pareva... sbagliavi un anno, ok, sbagliavi due anni... via... andavi a fare altro, a lavorare... la guida, che conosceva l'Italia meglio di me, spiegò: "Qui tutti hanno diritto allo studio, non c'è analfabetismo, anche nelle campagne... chi riesce può diventare qualsiasi cosa, avvocato, ingegnere, senza aver un papà di successo".

Lasciammo Mosca uno o due giorni prima della parata. L'ultima sera ci portarono ad un "night" che offriva numeri di varietà, canzoni in tutte le lingue, ma niente spogliarelli. Ordinammo un taxi per rientrare nonostante non facesse ancora freddo.

Soldati sulla Piazza Rossa, di sera, uno dei nostri passi troppo in là e la guardia un po' rude che ci fa tornare indietro: cercai con lo sguardo la nostra guida e vidi che si era presa un bello spavento!
Il viaggio mi fece riflettere sulla libertà e sulla dittatura. La dittatura non è bella, non puoi ragionare, o la pensi così o niente e poi c'è chi se ne approfitta. Ci vuole libertà, ma la libertà deve avere limiti. Allora, una via di mezzo. La libertà eccessiva non va bene e troppe restrizioni nemmeno.

sabato 15 giugno 2013

Viaggi Pianificati - Lettera di un lettore.

[A distanza di due anni dalla prima edizione del libro... è bellissimo ricevere lettere così! Non mi ci abituerò mai. Grazie a I.]

Le scrivo in merito al suo libro Viaggi Pianificati. Volevo dirle che sono rimasto piacevolmente colpito e arricchito dalla lettura del testo. Ha piacevolmente approfondito un argomento che mi sta molto a cuore, quello della vita quotidiana nei paesi del socialismo reale. Lo ha fatto prendendo in esame un punto di vista insolito, senza omettere critiche ma nemmeno volendo dipingere quei paesi come l'inferno in terra.
Sinceramente, mi stupisce che si sia autoprodotto il libro. A mio avviso, dato l'argomento interessante e il buon svolgimento dell'opera, sono convinto che avrebbe trovato un editore disposto a pubblicarlo. Ho letto recentemente un libro simile sia per impostazione che per il tema trattato ("La vita ai tempi del comunismo"-Bruno Mondadori) e credo che il suo volume abbia ben poco da invidiargli.
Chiudo con la speranza che un nuovo volume veda la luce (magari pubblicato da una casa editrice che gli dia la giusta distribuzione). In me troverà un lettore appassionato.
Con sincerità,
 
I.T.